Al Kurhaus dipinti e sculture di 33 artisti – Bolzano

Una schiera di artisti provenienti in buona parte dalle Marche, ma anche da altre regioni italiane e dall’estero (Svizzera, Austria e Polonia) ha acceso di arte, avanguardia e colori il cuore di Merano. Questi artisti sono i protagonisti della quinta edizione dell’evento di arte contemporanea “Face’Arts”, realizzato con il patrocinio dell’ordine dei giornalisti delle Marche e il sostegno dei Comuni di Jesi e Falconara Marittima.

Guidati dall’artista e direttrice artistica dell’evento Mary Sperti, trentatré esponenti delle arti visive hanno esposto le loro opere al Kurhaus in una mostra che rimane aperta fino a oggi. Assai partecipato il vernissage di sabato scorso, al quale, in rappresentanza della città, è intervenuto il presidente del consiglio comunale Pasquale Di Domenico. Presenti la curatrice Mary Sperti, il critico d’arte professor Nuccio Mula (giornalista, docente universitario e membro dell’associazione internazionale Critici d’arte), gli artisti e tanti appassionati.

Negli spazi creativi di Face’Arts, al quale partecipa anche il meranese Claudio Calabrese, si intrecciano scultura, pittura, fotografia, danza, letteratura, performance e installazioni.

In mostra, si possono ammirare le opere, le sculture e l’espressività dei seguenti artisti:

Francesco Amadori, Giuliano Auriti, Diego Bonsi, Nadia Buroni, Pix Cataldi Artista, Stefano Catalini, Monica Steliana Cirtita, Domenico De Cosmo, Mirko Demattè, Enzo Dente, Carlo Di Camillo, Antonella Di Cristofaro, Renata Di Palma, Mario Formica, Ilaria Ingrosso, Ermanno Leso, Alessio Lo Prete, Antonella Lozito, Sebastiano Magnano, Mauro Malafronte, Paolo Miceli, Marco Monadi, Sarah Mulinelli, Nico Reportage Di Nicola Nardomarino, Marco Nasti, Brigitte Ostwald, Gentile Polo, Sergio Rubini, Franco Scalese Urciuoli, Buci Sopelsa, Patrizia Tosti e Odo Camillo Turrini.

Sorgente: Al Kurhaus dipinti e sculture di 33 artisti – Bolzano – Alto Adige

Trentino Grande Guerra – Inaugurazione mostra | No War 1914-2014

No alla guerra è il monito che gli artisti della mostra “NO WAR 1914-2014” affermano con forza. La mostra si terrà a Lavarone (TN) dal 27 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015, e non è un caso che gli artisti di NO WAR ci accompagnino all’anno nuovo, auspicando così, non solo emotivamente ma anche simbolicamente, un passaggio che sia una via di uscita, una soluzione a uno dei più nefasti caratteri dell’esistenza umana: la guerra.

La guerra è un carattere dell’esistenza che distingue la ‘civiltà umana’ dagli animali, i quali forse, in una dialettica in cui prendono parte inconsapevolmente, ci suggeriscono un possibile rimedio al male della nostra Cultura, vale a dire il ritorno alla Natura e al rispetto delle sue regole. Un ritorno al rispetto non solo per gli altri esseri umani, che non devono subire prevaricazioni di sorta, ma anche per l’ambiente in cui essi vivono che è parte della loro identità, o meglio, integrità personale. La guerra distrugge uomini e cose.

In questa luce, la mostra si pone già di per sé come messaggio, come contenuto e non contenitore, come auspicio alla realizzazione di quel valore universale che è la Pace. Gli artisti che vi partecipano sono accumunati dalla ricerca di un messaggio che manifesti la loro e la nostra necessità interiore, il nostro bisogno spirituale di rendere concreto questo valore per noi inoppugnabile. NO WAR, amalgamando differenti prospettive artistiche e diversi linguaggi che parlano di un unico contenuto comune, s’impegna proprio nel documentare questa esigenza collettiva fortemente sentita, ovvero che la Pace divenga il carattere distintivo di una civiltà matura.
Qui l’arte traduce/trasforma/eleva il ‘semplice’ atto comunicativo a atto etico, la cui forza poietica trasforma il segno e la forma in contenuto, in valore, e offre allo spettatore un contributo alla propria consapevolezza.
Alla mostra, patrocinata dal Comune e dalla Magnifica Comunità degli Altipiani Cimbri e supportata dalla Biblioteca Comunale di Lavarone, partecipano circa venti artisti provenienti da varie regioni di Italia, di cui la maggior parte pittori e scultori.

Saranno presenti con le loro opere:
Cavalieri Claudio – Ober Paolo – Broll Sabrina – Pallaro Aldo – Osele Gianpaolo – Molin Christian – Nones Marco – Sark Paul – Merler Marianna – Polo Gentile – Roncher Arnaldo – Demattio Rita – Adessi Annamaria – Bettega Giacomo Jah – Zanghellini Roberta – Piazza Roberto – Negriolli Pierluigi.

La mostra sarà inaugurata sabato 27 dicembre alle ore 17.30 presso la Sala del Municipio di Lavarone. La presentazione sarà a cura di Marco Cruciani; nel corso del pomeriggio anche le stimolanti performance di Paul Sark.

Sorgente: Trentino Grande Guerra – Inaugurazione mostra | No War 1914-2014

Die Wanderausstellung “Incontri d´Arte – Kunst-Treffen” gastiert bis Freitag in Füssen

Vor seinem Gemälde genießt Gentile Polo (links) mit seinem Künstlerkollegen Raimund Prinoth (rechts) die Vernissage in der Sparkasse Allgäu. Foto: Friedrich

Mit 25 Künstlern ist die Ausstellung „Incontri d` Arte – Kunst-Treffen“ in die Sparkasse Allgäu in Füssen eingezogen. Hier werden die Werke noch bis Freitag, 22. August, zu sehen sein. Die sind alle in Ateliers entlang der Via Claudia Augusta geschaffen worden.

 Der Himmel über der alten Römerstraße – wie ihn der Künstler Raimund Prinoth malt – ist rot wie italienischer Wein. Die Gruppenausstellung zeigt eine ziemlich bunte, fantasievoll die Geschichte der Völker verbindenden Via reflektierende Bilderwelt, die sehenswert ist. Dafür gibt es mehrere Gründe. „Incontri d’ Arte“ – sprich „Kunst-Treffen“ – ist das ästhetische Programm überschrieben, zu dem die Künstler jeweils ein – aus ihrer Sicht gelungenes – Werk beisteuern. „Hier beteiligen sich Kunstschaffende, die an der historischen Route ihren Wohnsitz haben“, unterstrich Rudolf Zint aus dem Organisationsteam den zentralen Punkt der zweiten und wieder in Italien gestarteten Kunst-Tournee.

Sorgente: Die Wanderausstellung “Incontri d´Arte – Kunst-Treffen” gastiert bis Freitag in Füssen | Füssen